Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 18 dicembre 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Conclusioni della riunione del Consiglio europeo del 12-13 dicembre (discussione)
MPphoto
 
 

  Marco Zanni (ID), per iscritto. – Ho molti dubbi sull'efficacia del Green New Deal, presentato nei giorni scorsi da Ursula von der Leyen, al Parlamento europeo. Mi sembra un'operazione di facciata, con un approccio estremamente ideologico, senza una chiara volontà politica di risolvere il problema, che non andrebbe considerato solo a livello europeo. L'UE dovrebbe fare il possibile per facilitare la crescita e il lavoro delle aziende, invece di imporre sempre più norme difficili da rispettare, minando così la competitività delle nostre aziende e mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro. Il Consiglio ha preso atto dei risultati nel Regno Unito. Dopo aver fatto tutto il possibile negli ultimi tre anni per impedire, sia il voto che l'attuazione della Brexit, l'UE deve finalmente affrontare i fatti e negoziare in fretta un accordo commerciale, nel nome di una leale cooperazione. I cittadini britannici hanno mandato un segnale forte a questa UE, che non funziona.

La conclusione della vicenda Brexit, infrange il dogma e il mito dell'UE intoccabile ed irreversibile.

 
Ultimo aggiornamento: 10 febbraio 2020Avviso legale