Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Mercoledì 18 dicembre 2019 - Strasburgo Edizione rivista

Compatibilità tra l'attuale accordo di libero scambio UE-Mercosur e la proposta della Commissione in vista di un Green Deal europeo (discussione di attualità)
MPphoto
 

  Paolo De Castro (S&D). – Signora Presidente, signor Commissario Hogan, onorevoli colleghi, con il Green Deal, l'Unione europea vuole stringere un nuovo patto con i suoi cittadini e i suoi consumatori. Un patto che, grazie alla strategia “dal campo alla tavola”, potrà essere ulteriormente rafforzato e indirizzato verso la qualità del cibo, intesa sia come qualità del prodotto, nutriente e salubre, che dal processo di produzione, equo, sostenibile e trasparente.

Gli agricoltori e i produttori europei sono pronti a raccogliere questa sfida, rafforzando ulteriormente i nostri standard produttivi, già tra i più avanzati a livello globale. Non possiamo permetterci di lasciarli soli: dobbiamo invece valorizzare i loro sforzi e proteggerli da tutte le situazioni di concorrenza sleale rispetto a produttori di paesi terzi.

Si tratta di un obiettivo non più rimandabile, signor Commissario, ma che non può essere limitato al solo accordo con il patto dei paesi Mercosur. Infatti, solo attraverso una nuova e ambiziosa diplomazia del cibo europeo, che si basi sulla reciprocità degli standard produttivi tra l'Unione e tutti i nostri partner commerciali, potremo diventare veri punti di riferimento a livello globale nella definizione delle norme produttive agricole e alimentari.

 
Ultimo aggiornamento: 10 febbraio 2020Avviso legale