Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 14 gennaio 2020 - Strasburgo Edizione provvisoria

Piano di investimenti sostenibile, Fondo per una transizione giusta e tabella di marcia per un'Europa sociale (discussione)
MPphoto
 

  Paolo Borchia (ID). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, mezzo milione di lavoratori interessati, 160 000 posti di lavoro a rischio in tutta Europa, cinquanta regioni coinvolte: questi sono i numeri verosimili di quella che potrebbe essere la prossima crisi occupazionale.

Secondo il vangelo del neoliberismo più spinto, pare che la Commissione europea stia proponendo una strategia di decarbonizzazione nella consapevolezza che aggraverà il problema della disoccupazione, il tutto all'insegna del fatalismo, perché sembra che vi siate rassegnati a deindustrializzare l'Europa, il continente dove è nata la rivoluzione industriale.

Io chiedo di che risorse verrà dotato questo fondo, visto che avete parlato di mille miliardi che ad oggi non esistono, e soprattutto pensate di risolvere qualcosa mandando dei disoccupati di cinquant'anni a fare dei corsi di formazione?

Se la strada è quella di scippare i fondi di coesione o il Fondo europeo di sviluppo regionale, allora non ci siamo. Io a questo punto chiedo l'aiuto degli interpreti, perché in italiano, in questi casi, si dice che la toppa è peggio del buco!

 
Ultimo aggiornamento: 27 gennaio 2020Avviso legale