Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 14 gennaio 2020 - Strasburgo Edizione provvisoria

Relazione annuale 2018 sui diritti umani e la democrazia nel mondo e sulla politica dell'Unione europea in materia (discussione)
MPphoto
 

  Simona Baldassarre, a nome del gruppo ID. – Signora Presidente, onorevoli colleghi, oggi sono qui per chiedervi e pregarvi di non essere complici di un business vergognoso da quasi sei miliardi di dollari, la maternità surrogata, fenomeno in allarmante espansione in tutto il mondo, dove ricchi acquirenti occidentali sfruttano donne dei paesi poveri, come un'insidiosa forma di colonizzazione o, peggio, una nuova schiavitù.

Lavoriamo uniti contro questa pratica vergognosa che viola i diritti umani, la dignità della donna e ne mercifica il corpo. Bambini innocenti, strappati alle madri, diventano un mero oggetto contrattuale, calpestando lo stesso articolo 7 della Convenzione sull'infanzia.

Questo Parlamento si è già espresso nel 2011 e nel 2015 contro lo svilimento del corpo femminile e lo sfruttamento delle ragazze vulnerabili. Oggi chiedo che la tanto sbandierata tutela della donna non rimanga una parola vuota. È imprescindibile che l'Unione europea, che si proclama primo difensore dei diritti umani, adotti ogni misura contro la maternità surrogata, perché le donne non sono incubatrici e i bambini non sono una merce di scambio.

Donne e uomini di questo Parlamento, oggi chiedo il vostro aiuto!

 
Ultimo aggiornamento: 27 gennaio 2020Avviso legale