Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
 Indice 
 Testo integrale 
Discussioni
Martedì 14 gennaio 2020 - Strasburgo Edizione provvisoria

Situazione in Libia (discussione)
MPphoto
 

  Andrea Cozzolino (S&D). – Signora Presidente, onorevoli colleghi, seguiamo con attenzione gli sviluppi, come ha detto l'Alto rappresentante/Vicepresidente con grandissima onestà, ora dopo ora, ed è di adesso, degli ultimi minuti, la notizia che Haftar ha deciso di partecipare alla conferenza di Berlino di domenica. Seguiamo tutto questo con grandissima preoccupazione e tensione e sentiamo a volte il rischio di una nostra inutilità e inefficacia.

In questi casi l'unica opportunità, l'unica possibilità che abbiamo a disposizione è la risorsa della politica: non rinunciare a fare politica, avere chiari i nostri obiettivi – rafforzare l'azione diplomatica, politica ed istituzionale; assicurare l'interruzione delle ostilità e il cessate il fuoco; consentire, se possibile, la conferenza di Berlino; mettere in campo una proposta di aiuti per i tanti cittadini libici, soprattutto i tanti cittadini libici, soprattutto i bambini coinvolti e vittime della guerra in corso; creare le condizioni politiche e istituzionali per rafforzare l'unità, l'integrità e la piena sovranità della Libia; mettere in campo una forza di deterrenza.

Credo che questo sia l'appello su cui dovremmo lavorare: una forza di deterrenza che aiuti il successo del dialogo e della pace, perché non ce la si fa solo con l'azione diplomatica se non mettiamo in campo una forza di deterrenza europea e non lasciamo il campo ad altre forze e ad altre realtà istituzionali e politiche.

Ecco, credo che questo dovrebbe essere il nostro compito in questo momento difficile, sapendo che giochiamo un ruolo fondamentale per il futuro dell'Europa. Si gioca una partita decisiva in Libia per il futuro stesso dell'Europa, di tutta l'Europa, e non può essere una partita giocata dai singoli Stati, a cominciare da paesi come l'Italia o la Francia.

Credo che questo sia il lavoro che dovremmo fare e che dovremmo incoraggiare l'Alto rappresentante/Vicepresidente Borrell a svolgere questa funzione pienamente, perché ci giochiamo davvero una partita decisiva della nuova Commissione e del nuovo Parlamento per tutta la legislatura.

 
Ultimo aggiornamento: 27 gennaio 2020Avviso legale