Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 24k
27 agosto 2014
E-006395-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-006395-14
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Ignazio Corrao (EFDD)

 Oggetto:  Gestione delle concessioni del demanio marittimo in Sicilia: possibile violazione del diritto europeo
 Risposta scritta 

In data 15 agosto 2014 è stata inviata al Commissario Barnier una lettera da parte di membri della deputazione regionale, nazionale ed europea del Movimento 5 Stelle (M5S) con riferimento alla possibile violazione del diritto europeo da parte della Regione Sicilia in relazione al sistema delle concessioni del demanio marittimo previsto dalla legge regionale n. 15/2005.

Il gruppo parlamentare regionale M5S ha presentato una mozione per impegnare il governo regionale a intervenire per garantire il rispetto della normativa europea e per fare in modo che le coste siciliane vengano gestite in maniera appropriata, pianificata e nel rispetto della normativa europea. Al contrario, è notizia di qualche giorno fa l'emanazione di un decreto da parte del governo regionale che proroga automaticamente fino al 31 dicembre 2020 tutte le concessioni demaniali in corso. Di fatto viene creato un meccanismo di rinnovo tacito e automatico. Ciò avviene in un contesto di mancata pianificazione della gestione del demanio marittimo, con potenziali effetti negativi sul patrimonio naturalistico costiero, in gran parte inserito nella rete europea Natura 2000.

Può la Commissione analizzare le informazioni inviate nella lettera e intervenire presso le autorità regionali, informando l'interrogante sull'esito della valutazione e sugli atti adottati?

Avviso legale