Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 100kWORD 25k
29 agosto 2014
E-006436-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-006436-14
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Ignazio Corrao (EFDD)

 Oggetto:  A.I.A. Italcementi (Isola delle Femmine): possibile violazione della direttiva 96/61/CE (e successive modifiche e integrazioni)
 Risposta scritta 

Il 27 agosto 2014 è stata inviata al Commissario Potočnik una lettera dai membri della deputazione regionale, nazionale ed europea del Movimento 5 Stelle (M5S) sulla possibile violazione del diritto europeo, da parte della Regione Sicilia, per quanto riguarda l'attuazione della normativa europea relativa all'Autorizzazione Integrata Ambientale (impianto Italcementi dell'Isola delle Femmine).

Emerge che per sei anni, dal momento del rilascio dell'A.I.A. con decreto del responsabile del servizio (D.R.S.) 693/2008 ad oggi, non sono state rispettate le prescrizioni previste dall'A.I.A. relativamente al monitoraggio della qualità dell'aria che prevedevano l'installazione di due centraline. Ad oggi emerge una chiara responsabilità per la mancata installazione delle centraline da parte dell'Assessorato Regionale Territorio e Ambiente (ARTA), il quale non ha convocato il tavolo tecnico finalizzato a individuare le tipologie e i luoghi per l'installazione delle stesse. Inoltre, alla lettura dei diversi verbali ispettivi dell'Agenzia Regionale Protezione Ambiente (ARPA), l'ARTA non è intervenuta omettendo atti di competenza previsti dalla normativa italiana in attuazione dell'articolo 14 della direttiva 96/61/CE e non ha ottemperato all'obbligo di diffida per mancato rispetto delle prescrizioni previste dall'A.I.A.

Alla luce di quanto descritto si chiede alla Commissione europea di verificare se vi è, in linea di principio, una violazione della direttiva 96/61/CE.

Avviso legale