Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 24k
29 settembre 2014
E-007229-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-007229-14
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Ignazio Corrao (EFDD)

 Oggetto:  Informazioni riguardanti le aree ad alto rischio ambientale siciliane e la relativa tutela della qualità dell'aria e della salute delle popolazioni
 Risposta scritta 

Molti comuni ricadenti nel comprensorio delle città siciliane di Gela, Messina e Siracusa (Aree dichiarate ad alto rischio ambientale dal 1990) da anni sono al centro di manifestazioni di protesta di cittadini, aziende e associazioni ambientaliste a causa dell'inquinamento ambientale.

Secondo la sentenza di condanna del Tribunale di Palermo, il Piano Regionale di Coordinamento per la tutela della qualità dell'aria e dell'ambiente, emanato il 9.8.2007 dall'Assessorato Regionale Territorio e Ambiente (ARTA) siciliano, non risulta appropriato al territorio in questione perché per l'85 % composto da righe interamente copiate dal Piano della Regione veneta e da altre fonti.

I risultati riguardanti le Aree a rischio, la tutela della qualità dell'aria e la salvaguardia della salute delle popolazioni si sintetizzano oggi in quanto segue: 2 ex presidenti della Regione e 4 ex assessori ARTA sotto processo per omessi interventi antismog e per il sistema di controlli ultradeficitari nonostante l'Unione europea abbia destinato risorse comunitarie per oltre 70 milioni di euro.

1. Tutto ciò premesso, come valuta la Commissione il caso in questione alla luce della normativa europea?

2. È intenzione della Commissione valutare se l'ARTA è in grado di assicurare il rispetto del diritto comunitario?

Avviso legale