Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 25k
6 gennaio 2015
E-008576/2014(ASW)
Risposta di Karmenu Vella a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-008576/2014

L'onorevole Deputato fa riferimento alla mancata installazione, da parte dell'impianto «Italcementi», di due stazioni di monitoraggio della qualità dell'aria previste nel permesso IPPC (prevenzione e riduzione integrate dell'inquinamento) del 2008.

Sulla base delle informazioni disponibili, l'operatore avrebbe chiesto recentemente il rinnovo del permesso. Il verbale della riunione della competente autorità IPPC del 22 luglio 2014 rivela che i centri di monitoraggio non erano ancora stati installati, nonostante l'operatore abbia dichiarato espressamente nella domanda di rinnovo che l'impianto opera nel pieno adempimento delle condizioni del permesso IPPC. Tuttavia, secondo il medesimo verbale la competente autorità IPPC ha già invitato «Italcementi» e la locale amministrazione comunale a ultimare rapidamente il processo amministrativo per l'installazione delle stazioni di monitoraggio e a riferire in merito nella riunione tecnica successiva.

Alla luce di quanto sopra esposto, a questo stadio la Commissione non ravvisa, nel caso specifico, carenze sistematiche nell'applicazione della normativa ambientale dell'UE, da parte delle autorità nazionali, tali da giustificare un intervento diretto della Commissione nei confronti dell'Italia.

Cfr. allegato : Allegato

Avviso legale