Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 23k
31 ottobre 2014
E-008576-14
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-008576-14
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Ignazio Corrao (EFDD)

 Oggetto:  A.I.A. Italcementi (Isola delle Femmine): possibile violazione della normativa europea
 Risposta scritta 

In risposta all'interrogazione E-006436/2014 la Commissione afferma che «l'art. 8 della direttiva (UE) 2010/75 sulle emissioni industriali prevede l'obbligo per gli Stati membri di adottare le misure necessarie per garantire il rispetto delle condizioni di autorizzazione».

Come la Commissione stessa ha potuto constatare e ammettere (si veda comunicazione ARES(2014)2995107), sulla base dei dati di fatto il decreto AIA non è stato applicato in maniera integrale come previsto dalla normativa europea. E ancora oggi la situazione non è mutata.

Stiamo parlando di un decreto AIA del 2008 e di ben sei anni di completa inazione da parte dell'autorità competente che, nonostante fosse informata nelle relazioni annue da parte dell'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (ARPA), non è intervenuta con alcun atto di diffida, come previsto dalla normativa nazionale in attuazione dell'art. 8 della direttiva 2010/75. Si tratta di una situazione persistente da sei anni.

Può la Commissione chiedere informazioni alla Regione Siciliana riguardo a tale situazione?

Avviso legale