Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 25k
23 gennaio 2015
E-008744/2014(ASW)
Risposta di Karmenu Vella a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-008744/2014

A prescindere dalle cause che producono un inquinamento dell'aria, gli Stati membri sono tenuti a garantire la conformità ai valori limite di qualità dell'aria ambiente fissati dalla direttiva citata dagli onorevole deputati(1) per la protezione della salute umana.

Per quanto riguarda la Regione Piemonte, in cui non è stata ancora raggiunta la conformità, l'articolo 23 della direttiva impone che vengano prese misure appropriate per ottenere il più breve periodo possibile di superamento. La scelta delle misure è lasciata alla discrezione dello Stato membro interessato ed è soggetta a controllo giurisdizionale a livello nazionale, a condizione che l'obbligo di risultato sia rispettato. La situazione complessiva rispetto alla qualità dell'aria ambiente è oggetto di monitoraggio nel quadro del procedimento di infrazione menzionato dagli onorevoli parlamentari.

(1)Direttiva 2008/50/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2008, relativa alla qualità dell'aria ambiente e per un'aria più pulita in Europa (GU L 152 dell'11.6.2008, pag. 1).

Avviso legale