Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 24k
24 marzo 2015
E-000354/2015(ASW)
Risposta congiunta del Vicepresidente Frans Timmermans a nome della Commissione
Interrogazioni scritte :E-001195/15 , E-000354/15
Riferimento delle interrogazioni: E-000354/2015, E-001195/2015

Nel parere A-2/13 la Corte di giustizia ha dichiarato che il progetto di accordo di adesione è incompatibile con i trattati. La Commissione sta analizzando attentamente tale parere.

La Commissione ovviamente rispetta appieno il parere della Corte, che essa stessa ha richiesto, e osserva che esso implica la rinegoziazione del progetto di accordo di adesione su una serie di punti.

La Commissione ritiene che nella fase attuale sia necessario un periodo di riflessione per esaminare il modo migliore di procedere. Essa mantiene il potere conferitole dalla decisione del Consiglio del 4 giugno 2010 di proseguire i negoziati con gli altri Stati del Consiglio d'Europa. Le modifiche del progetto di accordo di adesione che l'UE dovrà chiedere si limiteranno allo stretto necessario per conformarsi alle prescrizioni supplementari relative al contenuto dell'accordo di adesione che discendono dal parere A-2/13. I futuri negoziati su tali modifiche necessarie saranno condotti in consultazione con il «comitato speciale» designato dal Consiglio. Il Parlamento europeo ne sarà tenuto immediatamente e pienamente informato.

Avviso legale