Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 103kWORD 26k
22 luglio 2015
E-003272/2015(ASW)
Risposta di Elżbieta Bieńkowska a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-003272/2015

La Commissione non ha preso provvedimenti né contro la Spagna né contro l'Italia in relazione alle concessioni balneari. La legge spagnola menzionata nell'interrogazione E-01198/2013 è stata ora adottata, ma è stata impugnata innanzi alla Corte costituzionale spagnola(1). La Commissione segue da vicino la situazione in Spagna ed attende i risultati della procedura portata avanti in sede di Corte costituzionale prima di assumere una posizione finale nel merito.

Per quanto concerne l'Italia, la Commissione rinvia gli Onorevoli deputati alla propria risposta all'interrogazione E-002467/2015(2).

La Commissione assicurerà un'applicazione coerente della normativa unionale alle situazioni identiche a quelle riscontrabili in Italia e in Spagna.

(1)Recurso de inconstitucionalidad n. 4906-2013; n. 5009-2013, n. 5012-2013, 5020-2013.
(2)http://www.europarl.europa.eu/plenary/en/parliamentary-questions.html

Avviso legale