Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 24k
12 marzo 2015
E-004085-15
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-004085-15
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Piernicola Pedicini (EFDD) , Marco Valli (EFDD) , Isabella Adinolfi (EFDD) , Eleonora Evi (EFDD) , Fabio Massimo Castaldo (EFDD) , Rosa D'Amato (EFDD) , Marco Affronte (EFDD) , Dario Tamburrano (EFDD)

 Oggetto:  Scarichi industriali pozzo «Total — Tempa Rossa 1»
 Risposta scritta 

Lo scorso 23 gennaio in località Corleto Perticara (PZ) l'Universitá della Basilicata ha effettuato un campionamento di acque a ridosso del pozzo oggetto di interrogazione. Il campionamento rileva la presenza di numerosi metalli pesanti in valori enormemente superiori ai limiti previsti dalla normativa UE: alluminio (14700 mcg/l), ferro 13700 (mcg/l), manganese 349 (mcg/l), piombo (171 mcg/l) e zinco (2800 mcg/l).

Questo discosta dai precedenti controlli effettuati dall'ARPAB Basilicata rientranti nei limiti di legge.

La Commissione rispondendo all'interrogazione P-007822-2014 dichiara che «a seguito di vari scambi di informazioni con le autorità italiane, non sono state individuate violazioni della normativa UE applicabile ...» e che «come risultato di attività industriali nel territorio di competenza, le autorità italiane hanno informato la Commissione di aver preso provvedimenti, tra cui la chiusura delle aree contaminate e l'adeguato monitoraggio delle aree a rischio».

Alla luce di quanto precede, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:
1. Quale è il reale grado d'inquinamento dell'area vista la Direttiva 2010/75?
2. Come intende la Commissione far rispettare la normativa UE e salvaguardare la salute dei cittadini?
Avviso legale