Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 99kWORD 24k
24 giugno 2015
E-010114-15
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-010114-15
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Rosa D'Amato (EFDD)

 Oggetto:  Precariato nella Pubblica amministrazione
 Risposta scritta 

La sentenza della Corte di giustizia relativa alle cause riunite C-22/13, C-61/13, C-62/13, C-63/13 e C-418/13 e le procedure di infrazione NIF 2010/2124 e NIF 2014/4231 dimostrano come l'Italia violi le clausole 4 e 5 della direttiva 70/1999/CE.

Le segnalazioni alla Commissione denunciano che, nonostante l'ordinanza C-50/13 e la sentenza «Mascolo», i Tribunali continuano a negare sia il risarcimento del danno sia la conversione del contratto in seguito all’utilizzo abusivo di contratti a tempo determinato da parte della Pubblica amministrazione.

I precari del pubblico impiego non scolastico sono oltre 250 mila e diversi sono i casi di trattamento sfavorevole di dipendenti pubblici con contratto a tempo determinato rispetto a quelli a tempo indeterminato. Tutto il personale a tempo determinato della PA è stato escluso dalle misure preventive della clausola 5, punti 1 e 2, dell’accordo quadro comunitario finendo per svuotare di ogni contenuto i principi, gli obiettivi e le regole minime di tutela di cui alla direttiva 1999/70/CE, come interpretata dalla Corte di giustizia.

Può la Commissione indicare quali azioni intende adottare per contrastare l'assenza di misure idonee a sanzionare e prevenire l'utilizzo abusivo di contratti a tempo determinato nel pubblico impiego e se intende adire per tale motivo la Corte di giustizia?

Avviso legale