Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 24k
12 ottobre 2015
E-013729-15
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-013729-15
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Rosa D'Amato (EFDD)

 Oggetto:  ILVA e violazioni della normativa europea
 Risposta scritta 

L'operaio Alessandro Morricella è morto dopo essere stato investito da un getto di ghisa liquida all'interno del reparto Altoforno 2 dell'ILVA di Taranto. In seguito all'episodio, la magistratura tarantina ha sequestrato l'impianto senza facoltà d'uso, ordinandone lo spegnimento.

Chiuso l'Altoforno 2 e funzionante soltanto l'Altoforno 4, l'ILVA non avrebbe avuto le risorse energetiche e tecniche per far proseguire la sua attività. Con appositi provvedimenti legislativi che prevedono che l'esercizio dell'attività dell'ILVA non sia impedito da eventuali sequestri quando si riferiscono a ipotesi di reato inerenti alla sicurezza dei lavoratori, il governo ha però fatto proseguire l'attività industriale incurante dei pericoli a cui gli stessi sono esposti.

Tale disposizione del governo italiano contrasta sia con la direttiva 89/391/CEE in materia di prevenzione dei rischi professionali, protezione della sicurezza e della salute e eliminazione dei fattori di rischio e di incidente sia con la direttiva 89/654/CEE relativa alle prescrizioni minime di sicurezza e di salute nei luoghi di lavoro.

Può la Commissione indicare come intende fermare questa ennesima violazione della normativa europea e dei diritti umani e cosa intende fare per evitare che i lavoratori siano costretti a lavorare senza alcuna tutela?

Avviso legale