Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 99kWORD 25k
16 febbraio 2016
E-015136/2015(ASW)
Risposta di Karmenu Vella a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-015136/2015

Relativamente al progetto riguardante il deposito ENERGAS, la Commissione non è al corrente di alcuna violazione della direttiva 2012/18/UE sul controllo del pericolo di incidenti rilevanti connessi con sostanze pericolose(1), della direttiva 92/43/CE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali e della flora e della fauna selvatiche(2) e della direttiva 2009/147/CE concernente la conservazione degli uccelli selvatici(3).

Per quanto riguarda in particolare la compatibilità del deposito con gli obiettivi di conservazione dei siti della rete Natura 2000 «Valloni e steppe pedegarganiche» e «Promontorio del Gargano», sulla base delle informazioni fornite dall’onorevole deputata la Commissione non è in grado di concludere che le autorità italiane hanno omesso di prendere in considerazione tali obiettivi al momento di valutare le implicazioni del progetto, come richiesto dall’articolo 6, paragrafo 3 della direttiva 92/43/CE.

(1)GU L 197 del 24.7.2012, pag. 1.
(2)GU L 206 del 22.7.1992, pag. 7.
(3)GU L 20 del 26.1.2010, pag. 7.

Avviso legale