Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 26k
18 febbraio 2016
E-015255/2015(ASW)
Risposta congiunta di Vytenis Andriukaitis a nome della Commissione
Interrogazioni scritte: E-015373/15 , E-015255/15
Riferimento delle interrogazioni: E-015255/2015, E-015373/2015

La Commissione considera la corretta misurazione dell'accesso all'assistenza sanitaria un prerequisito per il miglioramento dell'accesso ad un'assistenza di buona qualità e per la riduzione delle disuguaglianze in questo ambito. Nel 2016 la Commissione si adopererà per ottimizzare l'attuale misurazione dell'accesso all'assistenza sanitaria nell'UE e per individuare e condividere le pratiche esemplari volte a migliorarlo. Attualmente il lavoro della Commissione è incentrato sulla questione generale dell'accesso ad un'assistenza sanitaria di buona qualità, e non su ambiti specifici.

Come spiegato nella risposta all'interrogazione scritta E-000296/2014(1), la Commissione apprezza ogni contributo delle parti interessate in merito a strumenti di misurazione dell'accesso. La Commissione sta collaborando con varie parti interessate per stabilire una base teorica comune su cui incentrare le discussioni in materia e trovare un accordo allargato sui metodi migliori per misurare l'accesso all'assistenza sanitaria. Il parere del gruppo di esperti menzionato dagli onorevoli deputati è uno degli elementi a sostegno di questo lavoro.

Per quanto riguarda la terza domanda degli onorevoli deputati, la Commissione riconosce le differenze nelle politiche nazionali degli Stati membri in materia di salute e diritti sessuali e riproduttivi, compreso l'accesso ai contraccettivi. In particolare, l'articolo 4, paragrafo 4, della direttiva 2001/83/CE(2) prevede queste differenze nelle legislazioni nazionali riguardanti il divieto o la limitazione della vendita, della fornitura o dell'uso di medicinali a fini contraccettivi. La Commissione non ha competenze in materia di accesso ai contraccettivi negli Stati membri, ma può sostenere i governi promuovendo lo scambio di buone pratiche volte ad assicurare che i sistemi sanitari siano in grado di far fronte alle esigenze sanitarie e di utilizzare le risorse nel modo più vantaggioso ed efficace.

(1)http://www.europarl.europa.eu/plenary/it/parliamentary-questions.html
(2)http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2001:311:0067:0128:it:PDF

Avviso legale