Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 23k
6 aprile 2016
E-002772-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002772-16
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Gianluca Buonanno (ENF)

 Oggetto:  Internet e benefici economici europei
 Risposta scritta 

Il sistema Internet è tutt'oggi prevalentemente gestito e implementato da aziende americane che vanno dalle PMI ai colossi multinazionali. I principali introiti economici derivanti dalla gestione della rete avvantaggiano gli USA più di ogni altra nazione. Nonostante la produttività delle aziende europee del settore, gli investimenti operati e addirittura l'istituzione di un Commissario europeo all'economia digitale, l'Europa sembra destinata a essere fonte di profitto altrui anziché un operatore autonomo e concorrente credibile delle grandi aziende e piattaforme americane.

È la Commissione a conoscenza dell'entità del beneficio economico, in termini di introiti e posti di lavoro, generato dalla rete su scala mondiale?

Qual è la percentuale riservata all'Europa?

Ritiene di dover sviluppare e incentivare con maggiore efficacia e incisività le politiche del mercato digitale finalizzate a un'affermazione europea della rete?

Avviso legale