Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 19k
20 giugno 2016
E-002803/2016(ASW)
Risposta di Marianne Thyssen a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-002803/2016

La Commissione è a conoscenza del fatto che l'Italia ha rinviato l'entrata in vigore delle disposizioni antincendio cui fa riferimento l'onorevole deputato. La questione è stata sollevata dalla Commissione nell'ambito del procedimento di infrazione 2010/4227. Dalla risposta delle autorità italiane alla lettera di costituzione in mora è emerso chiaramente che le prescrizioni minime in materia di sicurezza antincendio di cui all'articolo 8 della direttiva 89/391/CEE sono state recepite nell'ordinamento italiano mediante il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (in particolare articoli da 43 a 46). Tali disposizioni sono vincolanti per tutte le strutture turistico-alberghiere nazionali attive.

Nel campo della salute e della sicurezza sul lavoro, al di là delle direttive pertinenti(1) che sono state recepite nel diritto nazionale, non esiste alcun atto legislativo dell'UE relativo alla protezione antincendi negli alberghi e la Commissione non ha al momento in programma l'adozione di ulteriori misure in questo settore.

(1)Direttiva 89/391/CEE (direttiva quadro) e direttiva 89/654/CEE (luoghi di lavoro).

Avviso legale