Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 24k
21 aprile 2016
E-003236-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-003236-16
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Gianluca Buonanno (ENF)

 Oggetto:  Controlli sulle importazioni di ortaggi contaminati da paesi terzi
 Risposta scritta 

I dati relativi alle importazioni di ortaggi e prodotti agricoli da paesi terzi sono allarmanti. Le analisi condotte dall'Agenzia europea per la sicurezza alimentare evidenziano come la presenza di additivi, coloranti e microtossine sia di gran lunga superiore ai limiti stabiliti e regolamentati dall'UE, il che va a discapito delle centinaia di migliaia di produzioni agricole e soprattutto della salute pubblica.

Tra i prodotti più contaminati figurano: il basilico, il prezzemolo, i broccoli, le zucchine e il concentrato di pomodoro, ritenuto una vera «bomba chimica» dannosa per la salute dell'organismo.

Stante che la maggior parte dei prodotti agricoli viene lavorata e utilizzata dall'industria alimentare, finendo successivamente sugli scaffali della grande distribuzione; come si sta attivando la Commissione in relazione ai controlli degli ortaggi contaminati provenienti da paesi terzi?

Ritiene che sia arrivato il momento di rivedere le agevolazioni concesse onde tutelare la salute dei consumatori europei?

Avviso legale