Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 16k
4 maggio 2016
E-003761-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-003761-16
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Alain Cadec (PPE) , Eric Andrieu (S&D) , Jean Arthuis (ALDE) , Anna Maria Corazza Bildt (PPE) , Edward Czesak (ECR) , Nicola Danti (S&D) , Michel Dantin (PPE) , Paolo De Castro (S&D) , Angélique Delahaye (PPE) , Dennis de Jong (GUE/NGL) , Philippe Juvin (PPE) , Alain Lamassoure (PPE) , Mairead McGuinness (PPE)

 Oggetto:  Alleanze tra distributori a livello nazionale e europeo
 Risposta scritta 

Nella sua relazione sulla politica di concorrenza dell'UE (2015), il Parlamento europeo sostiene che una politica di concorrenza efficace e credibile non può orientarsi esclusivamente sulla riduzione dei prezzi al consumatore, ma deve anche tener presente gli interessi strategici dell'economia europea. È in questo spirito che lo studio della DG Concorrenza del 2014 si era interessato all'impatto economico della grande distribuzione. La capacità innovativa, gli investimenti, la competitività e la sostenibilità, le condizioni di concorrenza specifiche delle PMI, le norme sociali e ambientali vanno a vantaggio dei cittadini tanto quanto il ribasso dei prezzi al consumo.

Nella prospettiva di un dialogo strutturato tra le due istituzioni, la relazione del Parlamento sulla politica di concorrenza dell'Unione europea (2015) invita la Commissione a sviluppare lo scambio di buone pratiche attraverso la rete europea di autorità garanti della concorrenza, al fine di rispondere alle preoccupazioni sollevate dalle alleanze tra distributori a livello nazionale e europeo.

1. Intende la Commissione inserire tale questione all'ordine del giorno della rete europea delle autorità garanti della concorrenza in un prossimo futuro?

2. Può essa chiarire la sua strategia volta ad assicurare che la concorrenza nel settore alimentare sia fonte di valore per l'intera catena di approvvigionamento in seguito alla dichiarazione del Presidente Juncker sullo stato dell'Unione nel 2015?

Lingua originale dell'interrogazione: FR 
Avviso legale