Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 15k
23 maggio 2016
E-004111-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-004111-16
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Piernicola Pedicini (EFDD) , Eleonora Evi (EFDD)

 Oggetto:  Randagismo e gestione dei canili
 Risposta scritta 

Il randagismo, il maltrattamento degli animali e la cattiva gestione dei canili sono problematiche diffuse e comuni in diversi Stati membri.

La Convenzione europea per la protezione degli animali da compagnia del 13 novembre 1987 rimane ad oggi l'unico accordo multilaterale in materia. Tuttavia, la convenzione non dà poteri sanzionatori e non è stata firmata o ratificata da tutti gli Stati membri dell'UE.

L'Italia, nonostante sia uno dei paesi firmatari della convenzione, si è rivelata incapace di gestire in modo efficiente il fenomeno del randagismo e la connessa attività di gestione dei canili. In Puglia, Campania e Sicilia, il fenomeno del randagismo costituisce una reale minaccia per la salute pubblica e la sicurezza.

Alla luce dell'articolo 13 del TFUE e della risoluzione del Parlamento europeo del luglio 2012 (2012/2670(RSP), intende la Commissione adottare strategie volte alla salvaguardia e alla protezione degli animali randagi, nonché a una migliore gestione dei canili?

Avviso legale