Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 96kWORD 21k
4 agosto 2016
E-004816/2016(ASW)
Risposta di Günther Oettinger a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-004816/2016

Il piano d’azione per l’eGovernment 2016-2020 delinea la strategia per accelerare la trasformazione digitale della pubblica amministrazione e suggerisce un approccio olistico che comprende una visione ambiziosa e una serie di principi da osservare. Le azioni concrete individuate sono venti, tuttavia la Commissione o le parti interessate, inclusi gli Stati membri e le pubbliche amministrazioni a tutti i livelli(1), possono proporre ulteriori azioni.

Il piano d’azione intende essere un esempio per la definizione di strategie nazionali di eGovernment negli Stati membri. Esso inoltre aiuterà la Commissione e gli Stati membri a coordinare le loro azioni, mettendo in comune le infrastrutture di servizi digitali esistenti, gli elementi costitutivi, le norme tecniche e le specifiche in modo da incoraggiarne il riutilizzo e la diffusione, in particolare a livello transfrontaliero.

La Commissione ha varato la Coalizione per le competenze e le occupazioni digitali nell’ambito della nuova agenda per le competenze(2) al fine di creare un ampio bacino di talenti digitali e dotare i singoli individui e la forza lavoro in Europa di competenze digitali adeguate. Gli Stati membri sono invitati a elaborare strategie nazionali di ampio respiro in materia di competenze digitali.

La sezione Sfide per la società 6 di Orizzonte 2020 eroga finanziamenti a sostegno della trasformazione digitale delle pubbliche amministrazioni. In particolare, è previsto il finanziamento di un progetto pilota su vasta scala relativo all’applicazione del principio «una tantum» per le imprese a livello transfrontaliero. Il «principio una tantum» prevede che cittadini e imprese forniscano le informazioni alle pubbliche amministrazioni una sola volta e che gli uffici pubblici provvedano a condividere tali dati, sotto il controllo di cittadini e imprese e dopo aver ricevuto il loro consenso.

(1)https://ec.europa.eu/futurium/en/egovernment4eu
(2)COM(2016) 381/2.

Avviso legale