Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 7kWORD 21k
19 agosto 2016
E-005285/2016(ASW)
Risposta di Vytenis Andriukaitis a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-005285/2016

Le sostanze attive sono riesaminate periodicamente secondo le più recenti conoscenze tecniche e scientifiche al fine di assicurare il rispetto dei criteri sanciti dalla legislazione.

In seguito al secondo riesame UE, il rinnovo dell'approvazione dell'imazalil(1) è stato subordinato ad alcune condizioni e restrizioni, tra le quali la necessità di presentare ulteriori informazioni di conferma. Le valutazioni di tali informazioni hanno confermato che l'imazalil continuava a rispettare i requisiti per l'approvazione.

Un'ulteriore condizione di approvazione ha imposto agli Stati membri di prestare particolare attenzione ad alcuni rischi nel corso delle valutazioni per l'autorizzazione di prodotti fitosanitari contenenti imazalil, tra i quali i rischi per gli uccelli, i mammiferi, gli organismi acquatici e i microorganismi del suolo.

Per quanto riguarda la presenza di imazalil nei prodotti alimentari, il regolamento (CE) n. 396/2005(2) fissa i livelli massimi di residui (LMR), definiti come la concentrazione massima ammissibile di residui di antiparassitari in o su alimenti o mangimi, basata sulle buone pratiche agricole e sul più basso livello di esposizione dei consumatori necessario per proteggere i consumatori vulnerabili. L'esposizione ai residui nei livelli stabiliti è sicura per tutti i gruppi di consumatori europei. La Commissione continua a collaborare a stretto contatto con le autorità competenti degli Stati membri al fine di garantire che gli LMR siano conformi a quelli fissati dalla legislazione e che i prodotti alimentari siano sicuri per il consumo umano.

Si noti che la Commissione ha facoltà e intenzione di riesaminare l'approvazione di una sostanza attiva in qualsiasi momento qualora abbia elementi per ritenere che i criteri di approvazione non sono più soddisfatti.

(1)Regolamento di esecuzione (UE) n. 705/2011 della Commissione, del 20 luglio 2011, che approva la sostanza attiva imazalil a norma del regolamento (CE) n. 1107/2009 del Parlamento europeo e del Consiglio relativo all'immissione sul mercato dei prodotti fitosanitari e che modifica l'allegato del regolamento di esecuzione (UE) n. 540/2011 della Commissione. GU L 190 del 21.7.2011, pag. 43.
(2)Regolamento (CE) n. 396/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 febbraio 2005, concernente i livelli massimi di residui di antiparassitari nei o sui prodotti alimentari e mangimi di origine vegetale e animale e che modifica la direttiva 91/414/CEE del Consiglio. GU L 070 del 16.3.2005, pag. 1.

Avviso legale