Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 98kWORD 16k
31 agosto 2016
E-006465-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-006465-16
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Rosa D'Amato (EFDD)

 Oggetto:  Utilizzo dei contratti a termine nella pubblica amministrazione
 Risposta scritta 

La Corte di cassazione, con la sentenza 5072 del 16/05/2016, ha riconosciuto come sanzione in caso di abuso di contratti a termine da parte della pubblica amministrazione un risarcimento del danno dalle 2,5 alle 12 mensilità nella misura e nei limiti di cui all'articolo 32, comma 5, della legge 183/2010.

La sanzione riconosciuta dalla Cassazione non appare certo rispettare i criteri di proporzionalità, effettività, ma soprattutto di equivalenza.

Nel settore privato viene riconosciuto un risarcimento del danno identico in aggiunta alla trasformazione del contratto di lavoro da determinato a indeterminato.

Poiché i tribunali di merito dopo la sentenza della Cassazione hanno iniziato a riconoscere pochissime mensilità come risarcimento del danno, si chiede alla Commissione:
se la sanzione riconosciuta dalla Corte di cassazione non violi i principi di proporzionalità e di equivalenza;
se non si configuri una violazione del principio di leale cooperazione considerando che sono stati completamente disattesi il punto 48 dell'Ordinanza C-3/10 e il punto 55 della sentenza C-22/13 della Corte di giustizia.
Avviso legale