Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 8kWORD 21k
26 gennaio 2017
E-008726/2016(ASW)
Risposta di Phil Hogan a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-008726/2016

La Commissione rinvia l'onorevole deputato alla risposta all'interrogazione scritta

E-007951/2016(1).

I programmi regionali di sviluppo rurale messi in atto dall'Italia (PSR) prevedono la possibilità di sovvenzionare investimenti in azioni di prevenzione volte a ridurre le conseguenze di probabili calamità naturali e investimenti per il ripristino dei terreni agricoli e del potenziale produttivo danneggiati da calamità naturali (compresi eventi naturali di tipo biotico). Nel quadro di tali misure non è concesso alcun sostegno per le perdite di reddito conseguenti alla calamità naturale. Inoltre, il programma nazionale di sviluppo rurale prevede la possibilità di sostenere gli agricoltori mediante contributi finanziari destinati a premi assicurativi, fondi di mutualità e allo strumento di stabilizzazione del reddito.

Le autorità italiane hanno anche la facoltà di concedere aiuti di Stato a titolo di compensazione per le perdite di reddito, conformemente alle condizioni sancite dalla normativa UE sugli aiuti di Stato(2), o di concedere aiuti de minimis, vale a dire aiuti di importo limitato non ritenuti tali da falsare la concorrenza (fino a 15 000 EUR nell'arco di tre esercizi fiscali, entro i limiti di un massimale nazionale) in base alle condizioni stabilite dal regolamento (UE) n. 1408/2013(3).

Per quanto riguarda la tempestiva attuazione della misura 5 del PSR(4) (Ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali e da eventi catastrofici e introduzione di adeguate misure di prevenzione), occorre notare che, secondo il principio della gestione concorrente, in Italia la politica di sviluppo rurale è attuata a livello regionale.

(1)http://www.europarl.europa.eu/plenary/it/parliamentary-questions.html
(2)Cfr. in particolare l'articolo 26 del regolamento (UE) n. 702/2014 della Commissione, del 25 giugno 2014, che dichiara compatibili con il mercato interno, in applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, alcune categorie di aiuti nei settori agricolo e forestale e nelle zone rurali (GU L 193 dell'1.7.2014, pag. 1) e la sezione 1.2.1.3 degli orientamenti dell'Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale e nelle zone rurali 2014-2020 (GU C 204 dell'1.7.2014, pag. 1), modificati dalla comunicazione pubblicata nella GU C 390 del 24.11.2015, pag. 4.
(3)Regolamento (UE) n. 1408/2013 della Commissione, del 18 dicembre 2013, relativo all'applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea agli aiuti «de minimis» nel settore agricolo (GU L 352 del 24.12.2013, pag. 9).
(4)La misura 5 del PSR disciplina il ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato da calamità naturali, avversità climatiche ed eventi catastrofici e l'introduzione di adeguate misure di prevenzione, come previsto dall'articolo 18 del regolamento (UE) n. 1305/2013.

Avviso legale