Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 7kWORD 22k
14 febbraio 2017
E-009207/2016(ASW)
Risposta di Phil Hogan a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-009207/2016

1. Lo sviluppo locale di tipo partecipativo, finanziato nel quadro del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (LEADER), dovrebbe essere attuato nelle zone rurali. Poiché le risorse finanziarie sono limitate, il sostegno dovrebbe essere(1) destinato alle zone rurali in cui le esigenze di sviluppo locale sono maggiori. L'Italia ha optato per una tipologia di classificazione delle zone in base al loro livello di sviluppo. Ciò è indicato nell'accordo di partenariato (AP)(2) in cui si afferma che deve essere data priorità alle zone rurali C e D e a zone rurali limitate che avevano già ricevuto sostegno tramite le iniziative LEADER nel corso del precedente periodo di programmazione. 2. Tale selezione si applica, oltre alla Regione Puglia, anche a tutti i programmi di sviluppo rurale dell'Italia (PSR). 3. Il programma di sviluppo rurale della Regione Puglia segue le disposizioni concordate dell'AP in materia di sviluppo locale di tipo partecipativo. Durante i lavori preparatori del comitato di sorveglianza e durante la sua sessione(3) i servizi della Commissione, in qualità di consulenti, hanno sottolineato l'importanza di osservare la selezione prevista dall'AP. L'autorità di gestione ha deciso di seguire lo stesso approccio delle altre regioni italiane. Non vi sono state «indicazioni non negoziabili» da parte della Commissione in proposito.4. La Commissione sottolinea che i suoi servizi stanno lavorando in stretta collaborazione con l'autorità di gestione della Regione Puglia per definire possibili soluzioni che consentano una rapida riapertura della selezione delle strategie di sviluppo locale. A tale riguardo è stata ora completata la procedura di adozione(4) della modifica al PSR introdotta dalla Regione Puglia nel dicembre 2016, la quale favorirà una soluzione.

(1)Cfr. tra l'altro l'articolo 5, paragrafo 6, lettera b), del regolamento (UE) n. 1305/2013 e il 2o paragrafo di pagina 696 dell'accordo di partenariato con l'Italia.
(2)Approvato dalla Commissione europea il 29.10.2014 (decisione C(2014)8021 del 29.10.2014) — cfr. http://www.agenziacoesione.gov.it/it/AccordoPartenariato/
(3)16 marzo 2016 [link non disponibile — sotto la responsabilità dell'autorità di gestione della Regione Puglia]
(4)Decisione C(2017)499 della Commissione del 25.1.2017.

Avviso legale