Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 100kWORD 17k
3 maggio 2017
E-003105-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-003105-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Tutela della diversità linguistica e culturale in Europa — Il caso della lingua veneta
 Risposta scritta 

La lingua veneta è una lingua europea originata nella Venetia storica e parlata da 8 milioni di persone. È catalogata dall'ISO (codice lingua: VEC) e riconosciuta dall'UNESCO. La legge 8/2007 della Regione Veneto l'ha riconosciuta come patrimonio linguistico-culturale. Alcune sue varietà sono parlate nell'Istria slovena e croata e in Messico. Nel novembre 2014 il Brasile ha riconosciuto il veneto-brasiliano (o «Talian») come patrimonio culturale-immateriale. Il veneto è utilizzato in Europa per pubblicazioni scientifiche, come testimonia un manuale accademico edito dall'Università di Francoforte. Il 18 febbraio 2017 centinaia di studenti, cittadini, docenti universitari europei e dell'UNESCO hanno partecipato al primo Convegno Internazionale sulla Lingua Veneta (#1CILVE); ivi è stata firmata la «Declarasion 10 Apriłe». La diversità linguistica e culturale è tutelata dall'UE (articolo 3 TUE; articolo 22 della Carta dei diritti fondamentali dell'UE).

Alla luce di quanto sopra esposto, si chiede alla Commissione:
Ritiene sia possibile fornire una tutela minima europea nel caso sui generis del veneto, lingua minoritaria presente in 3 Stati dell'Unione, ma tutelata in nessuno di essi?
Quali azioni potrebbe intraprendere con gli Stati membri interessati per incoraggiarli a sostenere e promuovere finanziariamente l'insegnamento e l'apprendimento di questa lingua?
Ritiene che sarebbe possibile stanziare fondi europei per sostenere le attività degli enti indipendenti di ricerca e diffusione come l'Academia de ła Bona Creansa, che sono attivi nell'insegnamento della lingua veneta e nella promozione del multilinguismo all'interno dell'UE?
Avviso legale