Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 16k
19 giugno 2017
E-004044-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-004044-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Paolo De Castro (S&D) , Giovanni La Via (PPE)

 Oggetto:  Prodotti alimentari vegani con denominazioni di vendita ingannevoli
 Risposta scritta 

Il 4 giugno 2015 la Corte di giustizia dell'Unione europea ha stabilito, nella causa C-195/14, che la direttiva 2000/13/CE del 20 marzo 2000 relativa al ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari deve essere interpretata nel senso che osta «a che l'etichettatura di un prodotto alimentare e le relative modalità di realizzazione possano suggerire, tramite l'aspetto, la descrizione o la rappresentazione grafica di un determinato ingrediente, la presenza di quest'ultimo in tale prodotto, quando invece, in effetti, tale ingrediente è assente, e tale assenza risulta unicamente dall'elenco degli ingredienti riportato sulla confezione di detto prodotto».

Il 14 giugno 2017 la Corte di giustizia ha inoltre statuito, nella sentenza della causa C-422/16, che la denominazione «latte» deve essere riservata ai prodotti animali e non deve essere usata nella commercializzazione o nella pubblicità per designare un prodotto di origine vegetale.

Poiché in alcuni casi prodotti alimentari di origine totalmente vegetale sono venduti sotto denominazioni attinenti a prodotti o carni animali, e nel rispetto del principio di non discriminazione, il quale impone che situazioni analoghe non siano trattate in maniera differente e che situazioni differenti non siano trattate in maniera uguale, salvo che un simile trattamento non sia obiettivamente giustificato, prevede la Commissione di adottare misure armonizzate intese a fornire informazioni precise sull'idoneità dei prodotti alimentari vegetariani o vegani, al fine di garantire che le denominazioni di vendita non creino confusione e non inducano in errore i consumatori nelle loro scelte?

Lingua originale dell'interrogazione: EN 
Avviso legale