Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 8kWORD 20k
21 settembre 2017
E-005885-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-005885-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Eleonora Evi (EFDD) , Laura Agea (EFDD) , Fabio Massimo Castaldo (EFDD) , Ignazio Corrao (EFDD) , Dario Tamburrano (EFDD)

 Oggetto:  Parere dell'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) sull'imposizione di limiti di caccia e condotta del governo e delle regioni italiane
 Risposta scritta 

La situazione metereologica dell'anno in corso ha prodotto temperature elevate, prolungati periodi di siccità e una drammatica espansione del numero degli incendi e della superficie percorsa dal fuoco.

In una nota ISPRA ha evidenziato come tale situazione comporti uno stress accentuato per molti ecosistemi e un rischio per la fauna in ampi settori del territorio nazionale, con effetti negativi sulla dinamica di popolazione di molte specie(1).

In base al principio di precauzione, ISPRA ha sollecitato l'adozione di provvedimenti cautelativi (ad esempio la sospensione delle autorizzazioni per l'addestramento dei cani da caccia, il divieto alla caccia da appostamento, limiti alla caccia alle specie stanziali, agli uccelli acquatici e nelle aree interessate da incendi)(2).

L'invito è tuttavia rimasto inascoltato e la caccia è stata autorizzata senza particolari precauzioni in tutte le regioni, con l'avvallo del governo(3).

Alla luce di ciò, considerato che il capitale naturale dell'UE è in pericolo, come segnalato dal trend sempre negativo degli indicatori disponibili sul raggiungimento degli obiettivi di conservazione della biodiversità(4) al 2020, si prega la Commissione di chiarire:

se intende sollevare la questione presso le autorità italiane;

se rileva irregolarità nei calendari venatori italiani;

se quanto descritto pregiudica la corretta applicazione delle direttive 92/43/CEE e 2009/147/CE in Italia.

Sostenitore(5)

(1)http://www.isprambiente.gov.it/it/newsletter-1/caldo-afoso-siccita-e-troppi-incendi.-ispra-201cl2019avifauna-e-a-rischio-bisogna-intervenire-sulla-caccia201d
(2)http://www.isprambiente.gov.it/it/news/limitazioni-all2019attivita-venatoria-a-causa-della-siccita-e-degli-incendi-che-hanno-colpito-il-paese
(3)http://www.enpa.it/it/31641/cnt/i-fatti/caccia-da-domenica-altro-piombo-su-un-territorio-g.aspx
(4)https://www.eea.europa.eu/publications/environmental-indicator-report-2016
(5)La presente interrogazione è sostenuta da un deputato diverso dagli autori: Rosa D'Amato (EFDD).

Avviso legale