Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 101kWORD 20k
6 novembre 2017
E-005908/2017(ASW)
Risposta di Phil Hogan a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-005908/2017

Il sostegno a norma del regolamento (UE) n.1305/2013(1) sullo sviluppo rurale è limitato alle zone rurali se programmato nell’ambito della priorità dell’Unione in materia di sviluppo rurale n. 6 (articolo 5 dello stesso regolamento) e/o nel caso della misura 7 (servizi di base e rinnovamento dei villaggi nelle zone rurali) e della misura 19 (LEADER(2)) dei programmi di sviluppo rurale (PSR).

Ai fini del regolamento sullo sviluppo rurale, l’autorità di gestione definisce la «zona rurale» a livello di programma (articolo 50 del suddetto regolamento). Le autorità italiane hanno deciso di definire le zone rurali per tutto il territorio italiano nell’accordo di partenariato(3). Tale definizione si applica a tutti i PSR regionali.

I servizi della Commissione sono consapevoli di questo problema, ma non hanno ricevuto nessuna proposta di revisione dell’accordo di partenariato italiano riguardante il riesame della definizione delle zone rurali. Ciò consentirebbe alle isole amministrative di Taranto di avere accesso ai finanziamenti relativi alla priorità 6 nonché alle misure specifiche per le zone rurali previste dal PSR Puglia 2014/2020.

Per quanto riguarda la domanda sui premi di priorità per gli agricoltori operanti nell’area indicata ad alta incidenza ambientale, l’allegato II del regolamento sullo sviluppo rurale prevede un aumento dell’importo massimo o dell’aliquota di sostegno massima degli investimenti in immobilizzazioni materiali nel settore agricolo e nella trasformazione e commercializzazione, così come degli investimenti collegati ad azioni di cui agli articoli 28 e 29 (sostegno agro-climatico-ambientale e agricoltura biologica). Inoltre, nella definizione dei criteri di selezione degli interventi (articolo 49 del suddetto regolamento), le autorità di gestione potrebbero dare la priorità a zone che presentano problematiche ambientali specifiche. Un tale approccio si deve basare su criteri oggettivi in linea con le priorità dell’Unione e con gli obiettivi del PSR in questione.

(1)GU L 347 del 20.12.2017.
(2)Liaison Entre Actions de Développement de l’Économie Rurale (Collegamento fra le azioni di sviluppo dell’economia rurale).
(3)Adottato dalla Commissione con decisione C(2014) 8021 del 29.10.2014.

Avviso legale