Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 7kWORD 20k
6 ottobre 2017
E-006300-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-006300-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Eleonora Evi (EFDD) , Marco Zullo (EFDD) , Fabio Massimo Castaldo (EFDD) , Isabella Adinolfi (EFDD) , Tiziana Beghin (EFDD)

 Oggetto:  Benessere dei polli negli allevamenti intensivi in Italia
 Risposta scritta 

Per soddisfare la crescente domanda di carni bianche a prezzi sempre più bassi, negli ultimi decenni i polli sono stati sottoposti a un'intensa selezione genetica affinché raggiungano il peso di macellazione a sole 6 settimane di vita.

Questo sviluppo forzato è la causa principale delle malattie che li affliggono negli allevamenti intensivi: patologie motorie, cardiache e respiratorie, la cui incidenza è stata riconosciuta dalla stessa Commissione nella sua relazione del 7.4.2016 sull'influenza della selezione genetica sul benessere dei polli allevati per la produzione di carne(1).

Le indagini svolte da alcune ONG italiane(2) e riportate dai mass media(3) illustrano il maltrattamento dei polli e l'abuso di antibiotici negli allevamenti intensivi.

Alla luce di quanto sopra, dello studio del Parlamento europeo sul benessere animale nell'Unione(4), che identifica lacune nella legislazione europea, anche per il pollame, della direttiva 2007/43/CE(5), della direttiva 2003/99/CEE(6) e della decisione di esecuzione 2013/652/UE(7), può la Commissione far sapere:
1. come giudica il livello di benessere dei polli negli allevamenti intensivi in Italia;
2. se rileva criticità nell'esecuzione delle ispezioni, nell'applicazione delle sanzioni e nell'elaborazione delle relazioni annuali di cui alla direttiva 2007/43/CE e
3. se l'Italia, in generale, è in regola con gli obblighi di monitoraggio, sorveglianza e scambio di informazioni previsti dalla direttiva 2003/99/CEE e dalla decisione 2013/652/UE?

(1)http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:52016DC0182&from=EN
(2)https://www.youtube.com/watch?v=bBNbkWzxJt4
(3)http://www.rai.it/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-ef2f4da6-bebe-4301-826f-fe164bd3b018-tg1.html
(4)http://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/STUD/2017/583114/IPOL_STU(2017)583114_EN.pdf
(5)http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2007:247:0021:0055:it:PDF
(6)http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:02003L0099-20130701&from=IT
(7)http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2013:303:0026:0039:IT:PDF

Avviso legale