Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 20k
15 novembre 2017
E-007059-17
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-007059-17
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Eleonora Evi (EFDD) , Marco Zullo (EFDD) , David Borrelli (EFDD) , Laura Ferrara (EFDD) , Isabella Adinolfi (EFDD) , Dario Tamburrano (EFDD)

 Oggetto:  Trasparenza degli enti locali in Trentino-Alto Adige e adeguatezza della normativa italiana in materia di anticorruzione
 Risposta scritta 

Nell'Allegato 12 sull'Italia della Relazione dell'Unione sulla lotta alla corruzione del 2014, la Commissione lamentava come l'esercizio dei poteri ispettivi conferiti alla Commissione per la Valutazione, la Trasparenza e l'Integrità delle amministrazioni pubbliche (CIVIT) prevista dalla legge anticorruzione italiana sembrasse avere una priorità secondaria, mentre l'esercizio dei poteri sanzionatori era pressoché inesistente soprattutto in ambito regionale e locale.

Nell'ambito delle politiche di integrità nella pubblica amministrazione, inoltre, si sottolineava come gli enti locali non avessero la capacità per elaborare piani d'azione e garantirne attuazione e controllo efficaci.

Con riferimento al Trentino-Alto Adige, alla Camera dei Deputati si registrano numerosi atti di sindacato ispettivo presentati nella Legislatura XVII, senza risposta dal Governo italiano(1) nonché due petizioni popolari attualmente in trattazione(2), che confermano le criticità già rilevate dalla relazione COM(2014) 38 final.

Ciò detto, può chiarire la Commissione se è consapevole delle criticità esistenti nella regione Trentino-Alto Adige, se ritiene la normativa anticorruzione italiana idonea ad attuare le raccomandazioni della summenzionata relazione in materia di responsabilità, integrità, partecipazione, trasparenza e se intende assumere iniziative per assicurare l'uniforme applicazione dei principi di prevenzione e trasparenza delle amministrazioni pubbliche negli Stati membri e nelle regioni europee?

(1)Numeri: 4/11927, 4/13281, 5/10485, 4/17425, 4/17424, 4/17533, 4/17536, 2/01912
(2)https://piudemocraziaintrentino.org/iter-petizione-provinciale-per-un-trentino-trasparente

Avviso legale