Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
PDF 102kWORD 26k
26 aprile 2018
E-007629/2017(ASW)
Risposta della Vicepresidente Federica Mogherini a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-007629/2017

Il 16 novembre 2017, il portavoce dell’Alta Rappresentante/Vicepresidente Federica Mogherini (AR/VP) ha rilasciato una dichiarazione in cui ha sottolineato che lo scioglimento forzato del Partito per la salvezza nazionale della Cambogia (CNRP) rappresentava un significativo passo indietro nel processo di pluralismo e democrazia nel paese. La dichiarazione pone l’accento sull’illegittimità di un processo elettorale dal quale il principale partito di opposizione è stato arbitrariamente escluso e in cui i cittadini che hanno sostenuto il partito CNRP (con il 44,5 % dei voti durante le elezioni legislative del 2013 e il 43,8 % in quelle locali del 2017) sono stati privati dei loro diritti.

Il 20 novembre 2017 l’AR/VP Federica Mogherini ha incontrato il Ministro degli Esteri della Cambogia in occasione del vertice dei ministri ASEM(1) in Birmania. L’AR/VP ha espresso l’auspicio che il protrarsi della detenzione di Kem Sokha, leader dell’opposizione, e lo scioglimento del CNRP vengano rapidamente revocati.

Il rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali è parte della politica commerciale dell’UE e sostiene il fondamento giuridico delle nostre preferenze commerciali. I servizi della Commissione, in collaborazione con il Servizio europeo per l’azione esterna, stanno monitorando la situazione in Cambogia per garantire che le condizioni del regolamento (UE) n. 978/2012 relativo al sistema di preferenze generalizzate (SPG) vengano soddisfatte. È prevista un’apposita missione di monitoraggio SPG per il 2018.

In termini di assistenza finanziaria, la Commissione europea ha già deciso di sospendere il suo sostegno al comitato nazionale delle elezioni della Cambogia (NEC). Tale decisione è stata comunicata alle autorità cambogiane il 12 dicembre 2017.

Lo strumento europeo per la democrazia e i diritti umani (EIDHR) è uno strumento finanziario tematico che mira a sostenere gli attori della società civile in contesti politici particolarmente delicati legati alle problematiche sui diritti umani, senza necessitare l’approvazione delle autorità nazionali.

(1)ASEM: vertice Asia-Europa.

Ultimo aggiornamento: 6 giugno 2018Avviso legale