Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 102kWORD 28k
31 maggio 2018
E-000064/2018(ASW)
Risposta congiunta dell’Alta Rappresentante/Vicepresidente Federica Mogherini
Interrogazioni scritte: E-000064/18 , E-000287/18 , E-000364/18 , E-000436/18
Riferimento delle interrogazioni: E-000064/2018, E-000287/2018, E-000364/2018, E-000436/2018

L’Alta Rappresentante/Vicepresidente è pienamente a conoscenza delle questioni sollevate dagli onorevoli deputati. L’UE continua a ribadire il suo invito a tutti i paesi che ancora ricorrono alla pena di morte, tra cui il Bahrein, a istituire una moratoria sulle esecuzioni capitali come primo passo verso la loro abolizione e a commutare le restanti condanne a morte in pene detentive. Questo aspetto è stato, tra l’altro, accentuato dall’UE nel gennaio 2017 in una dichiarazione del portavoce in merito alle esecuzioni capitali in Bahrein(1).

Nel corso dell’ultimo gruppo di lavoro informale sui diritti umani UE-Bahrein tenutosi nell’aprile 2017 a Bruxelles, l’UE ha tra l’altro sollevato preoccupazioni in merito all’applicazione della pena di morte e alla reintroduzione dei tribunali militari per processare i civili. Per quanto riguarda questi ultimi aspetti, al tempo l’UE aveva accolto con favore il fatto che il Bahrein avesse preso nota delle raccomandazioni contenute nella relazione del 2011 della commissione indipendente d’inchiesta del Bahrein (BICI) nella quale si era posto l’accento sull’importanza della loro rapida e completa attuazione. Da allora e nonostante l’UE abbia offerto ripetutamente assistenza alle autorità del Bahrein in questo ambito non si sono registrati considerevoli progressi.

L’UE continua nel suo impegno costante con le autorità del Bahrein sia attraverso la sua delegazione a Riyadh (accreditata presso il Bahrein) sia mediante le riunioni ad alto livello. Le suddette questioni saranno sollevate nuovamente dall’UE nella prossima riunione del gruppo di lavoro informale sui diritti umani UE-Bahrein che dovrebbe tenersi a maggio 2018.

(1)https://eeas.europa.eu/headquarters/headquarters-homepage/18588/statement-spokesperson-executions-carried-out-bahrain_en

Ultimo aggiornamento: 4 giugno 2018Avviso legale