Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 100kWORD 18k
10 gennaio 2018
E-000111-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-000111-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Pubblica amministrazione italiana penultima in Europa nel saldo dei pagamenti — Necessaria tutela delle imprese creditrici
 Risposta scritta 
Secondo la Relazione 2016 della Banca d'Italia, sono 64 i miliardi di euro di debiti della pubblica amministrazione (PA) italiana verso le imprese fornitrici. Lo studio «European Payment Report 2017» di Intrum Justitia, citato da Banca d'Italia, indica che la PA italiana nel 2016 saldava i debiti con una media di 95 giorni, penultima tra gli Stati membri, mentre la media europea è di 36 giorni. Il ritardo dell'Italia viola palesemente la direttiva europea relativa sui ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali (2011/7/UE), in vigore in Italia dal 1°gennaio 2013, che impone il saldo dei debiti delle PA entro 30-60giorni. Considerato che i ritardi nei pagamenti della PA hanno gravi ricadute sull'economia italiana, ostacolando gli investimenti e la crescita delle imprese fornitrici, in particolare delle PMI già in difficoltà anche per l'alta pressione fiscale, la stretta creditizia e la crisi economica; preso atto che il 7 dicembre 2017 la Commissione ha deferito l'Italia davanti alla Corte europea di giustizia per violazione della direttiva sopracitata; può la Commissione indicare se:
le aziende creditrici possono avvalersi di una qualche forma di tutela da parte dell'UE che garantisca loro la riscossione del credito nei confronti della PA italiana?
intende adottare forme specifiche di sostegno per le imprese italiane creditrici della PA?
Ultimo aggiornamento: 5 febbraio 2018Avviso legale