Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
9 febbraio 2018
E-000850-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-000850-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Accordo UE-Mercosur: un rischio per le eccellenze agroalimentari DOP/IGP del «Made in Italy»
 Risposta scritta 

Il Mercosur è il mercato comune del Sudamerica (Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay), con il quale l'UE sta negoziando un accordo di libero scambio che consentirà importazioni a dazio zero di prodotti che fanno concorrenza alle produzioni nostrane. I produttori italiani e le associazioni di categoria, come Coldiretti e Federalimentare, sono preoccupati per l'insufficiente salvaguardia delle indicazioni geografiche d'origine nell'accordo, poiché sembra che verrà tutelato meno del 10 % delle DOP/IGP italiane riconosciute dall'UE.

I sudamericani Reggianito, Parmesao e Mortadela sono alcuni dei tanti prodotti contraffatti che causano gravissimi danni alla filiera dell'autentico «Made in Italy». Inoltre l'accordo UE‐Mercosur intende consentire le importazioni nell'UE a dazio zero di grandi quantitativi di carne bovina sudamericana (fino a 130 mila tonnellate) sprovvista degli standard produttivi e di tracciabilità UE, il che metterà a rischio la salute dei consumatori europei. Il riso e gli agrumi del Mercosur presentano altresì problematiche fitosanitarie.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione far sapere:
1. come valuta l'impatto sulla filiera agroalimentare italiana ed europea di accordi commerciali con paesi terzi che non rispettano le normative UE sulla sicurezza alimentare e sulle indicazioni geografiche d'origine;
2. come risponde alle preoccupazioni degli operatori del settore agroalimentare italiano, che considerano l'apertura indiscriminata alle importazioni a dazio zero dai paesi terzi come una minaccia alla sopravvivenza delle eccellenze del «Made in Italy»?
Ultimo aggiornamento: 5 marzo 2018Avviso legale