Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 20k
25 aprile 2018
E-001052/2018(ASW)
Risposta di Marianne Thyssen a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-001052/2018

1. La Commissione ricorda che la gestione del Fondo sociale europeo (FSE) si basa sul principio della gestione concorrente; ciò significa che gli orientamenti generali vengono elaborati a livello dell'UE, mentre l'attuazione in loco spetta alle competenti autorità nazionali o regionali in ciascuno Stato membro. In relazione al caso in oggetto, la Commissione chiederà allo Stato membro maggiori informazioni al fine di valutare l'entità del fenomeno ed eventuali spese che potrebbero non essere conformi al diritto dell'Unione o al diritto interno.

2. Sulla base delle informazioni ricevute dallo Stato membro, la Commissione valuterà la conformità della prassi, quale descritta dall'onorevole deputata, alla raccomandazione del Consiglio, del 10 marzo 2014, su un quadro di qualità per i tirocini. La Commissione seguirà inoltre gli sviluppi della situazione tramite meccanismi consolidati, quali i riesami del comitato per l'occupazione e il semestre europeo.

3. La clausola 4 dell'accordo quadro sul lavoro a tempo determinato(1) enuncia il principio di non discriminazione tra lavoratori a tempo determinato e lavoratori a tempo indeterminato nel rispetto delle condizioni di impiego. Secondo la clausola 5 gli Stati membri devono inoltre porre in atto misure di prevenzione degli abusi dei contratti a tempo determinato. Qualora i tirocinanti in questione siano di fatto lavoratori regolari, è possibile segnalare eventuali prassi non conformi tramite gli opportuni meccanismi di ricorso disponibili a livello nazionale, tra cui l'azione legale. Il diritto dell'Unione non prevede tuttavia l'obbligo di trasformare i contratti di lavoro a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato.

(1)Direttiva 1999/70/CE del Consiglio, del 28 giugno 1999, relativa all'accordo quadro CES, UNICE e CEEP sul lavoro a tempo determinato (GU L 175 del 10.7.1999, pag. 43) — https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:31999L0070&from=IT

Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2018Avviso legale