Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
20 febbraio 2018
E-001052-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001052-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Laura Ferrara (EFDD)

 Oggetto:  Tirocinanti di giustizia regionali e risorse FSE
 Risposta scritta 

Anche nel 2018 sono stati rinnovati i tirocini formativi iniziati nel 2010. Migliaia di tirocini vengono riprogrammati annualmente e svolti dalle stesse persone in vari uffici giudiziari italiani direttamente alle dipendenze del ministero di giustizia o delle regioni, che li finanziano con risorse del Fondo sociale europeo (FSE) nell'ambito di politiche attive del lavoro. Il ministero autorizza i tirocini programmati dalle regioni tramite apposite convenzioni. Da parte delle regioni è illegittimo continuare a destinare risorse del FSE per formare le stesse persone già formate negli anni. Tali tirocini non sono mai sfociati in alcuna forma di contratto di lavoro, per cui i fondi utilizzati non hanno perseguito alcuna finalità di inserimento/reinserimento lavorativo, ma sono stati utilizzati per mascherare reali rapporti di lavoro. I tirocinanti, pur svolgendo una vera attività lavorativa, non beneficiano delle tutele previdenziali, assistenziali ed economiche proprie dei normali lavoratori.

Ciò, premesso può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:
1) È a conoscenza dell'uso improprio che le regioni italiane fanno delle risorse del FSE?
2) Ritiene che i suddetti tirocini siano in contrasto con i principi della raccomandazione del 10 marzo 2014, con particolare riferimento al considerando 4 e ai punti 1 (qualità), 6 (condizioni di lavoro) e 10 (durata ragionevole)?
3) Intende intraprendere specifiche iniziative per tutelare questi lavoratori nonché per indurre il governo italiano a porre rimedio alla precarietà generata da tali tirocini?
Ultimo aggiornamento: 22 marzo 2018Avviso legale