Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
28 febbraio 2018
E-001231-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001231-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Barbara Matera (PPE) , Alessandra Mussolini (PPE) , Lara Comi (PPE) , Fulvio Martusciello (PPE)

 Oggetto:  Parco eolico off-shore nel Golfo di Manfredonia
 Risposta scritta 

La Trevi Energy SpA, con istanza protocollata il 21.11.2017, ha chiesto la concessione demaniale marittima per la realizzazione di un impianto eolico off-shore a meno di sette miglia dalla costa del Golfo di Manfredonia, in cui si prevede l'installazione di 50 turbine, nonché delle opere connesse e delle infrastrutture indispensabili alla costruzione e all'esercizio dell'impianto stesso. Già nel 2007 l'azienda di Cesena aveva presentato un progetto similare per la realizzazione del parco eolico, respinto nel 2014 con parere negativo del ministero dei Beni culturali e di quello dell'Ambiente. Al parco eolico, in una delle zone più belle e suggestive d'Italia, sono contrarie le associazioni del territorio, le quali sostengono che le turbine creerebbero inquinamento visivo e pregiudicherebbero l'avifauna. Un deciso «no» è arrivato anche dai comuni di Vieste, Rodi Garganico, Peschici, Monte Sant'Angelo, Mattinata, Manfredonia, Zapponeta, Margherita di Savoia e Barletta.

Alla luce di ciò, ritiene la Commissione che la costruzione e il funzionamento di questo impianto siano conformi alla legislazione ambientale dell'UE in materia (soprattutto le disposizioni sulla valutazione dell'impatto ambientale obbligatorio) e, in caso contrario, quali misure intende adottare affinché questo impianto non sia costruito e, soprattutto, per garantire che le opinioni contrastanti già espresse pubblicamente e formalmente dai comuni colpiti, dai gruppi ambientalisti e dal parco del Gargano siano debitamente prese in considerazione?

Ultimo aggiornamento: 23 aprile 2018Avviso legale