Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 7kWORD 21k
16 maggio 2018
E-001585/2018(ASW)
Risposta di Tibor Navracsics a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: E-001585/2018

La Commissione sostiene la diversità linguistica, riconosce l'importanza di proteggere le lingue europee regionali o minoritarie, promuove l'apprendimento delle lingue per far sì che un maggior numero di giovani parli almeno due lingue oltre alla lingua dell'istruzione scolastica e sostiene e completa le politiche nazionali in materia di istruzione finalizzate al raggiungimento di tale obiettivo.

Inoltre, come indicato dalla Commissione nella sua risposta all'interrogazione scritta E-003105/2017, migliorare l'insegnamento e l'apprendimento delle lingue e promuovere la diversità linguistica e la consapevolezza interculturale dell'UE rientrano tra gli obiettivi specifici di Erasmus+(1). Il programma può finanziare partenariati transnazionali finalizzati a migliorare l'insegnamento di lingue minoritarie e regionali. Un esempio è il progetto «Gaelic Occitan Together For language Users Through United Roots and Experiences» (Il gaelico e l'occitano uniti a favore dei parlanti tramite la condivisione di radici ed esperienze) con partner da Francia, Regno Unito e Irlanda.(2) L'obiettivo del progetto è promuovere l'insegnamento delle lingue minoritarie e portare le lingue regionali all'interno dei sistemi di istruzione nazionali.

Altri strumenti di finanziamento che possono essere utilizzati per promuovere il multilinguismo sono il programma Orizzonte 2020(3) e i programmi Interreg(4). Interreg sostiene l'apprendimento delle lingue nelle regioni di frontiera, dove le lingue d'origine sono parte del patrimonio culturale e linguistico della regione stessa, come nel caso dell'euroregione Aquitania-Euskadi, in cui le lingue occitana, basca, spagnola e francese vengono promosse allo stesso modo.

L'organizzazione dei sistemi nazionali di istruzione e formazione, in particolare le decisioni relative alla lingua di insegnamento o ai curricula, è di competenza esclusiva degli Stati membri. Lo stesso vale per la protezione delle lingue regionali o minoritarie.

(1)https://ec.europa.eu/programmes/erasmus-plus/node_it
(2)http://www.cg32.fr/index.php?tg=oml&file=actualites.html&actu=635
(3)https://ec.europa.eu/programmes/horizon2020/
(4)www.interregeurope.eu/

Ultimo aggiornamento: 25 maggio 2018Avviso legale