Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
15 marzo 2018
E-001585-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001585-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Mara Bizzotto (ENF)

 Oggetto:  Diffusione e promozione di lingue europee parlate nell'Unione europea, non ancora ufficialmente riconosciute, come la lingua veneta
 Risposta scritta 

Considerando le Carte sui diritti linguistici; preso atto che in Europa sono parlate molte lingue che, pur non avendo una tutela linguistica formale, non sono nemmeno espressamente proibite; considerato che tra queste vi è la lingua veneta, che è una lingua europea parlata oggi da 8 milioni di persone nel mondo (di cui 5 milioni in Europa), soprattutto in Italia, Croazia e Slovenia, e riconosciuta dalla Regione Veneto e dall'UNESCO; preso atto che in UE la lingua veneta e il suo grande patrimonio culturale sono oggetto di convegni accademici internazionali e di attività formative, quali seminari, corsi e festival culturali.

Considerato che i madrelingua, la comunità scientifica e l'UNESCO auspicano un riconoscimento formale di questa lingua, al fine di catalizzarne il percorso di valorizzazione, si chiede alla Commissione:
1) Con quali azioni potrebbe sostenere persone e istituzioni che parlano, apprendono e studiano la lingua veneta?
2) Ritiene compatibile con il diritto comunitario e con il sistema giuridico degli Stati membri menzionati il fatto che, congiuntamente o disgiuntamente, istituti scolastici, universitari o di ricerca, pubblici o privati parificati, rendano la lingua veneta oggetto di insegnamento curricolare, seppur facoltativo?
3) In generale, ritiene giuridicamente legittima l'adozione libera da parte di istituzioni pubbliche regionali e locali di specifiche forme di tutela, promozione e diffusione di queste lingue europee, anche in assenza di un loro riconoscimento formale?
Ultimo aggiornamento: 28 marzo 2018Avviso legale