Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 20k
30 luglio 2018
E-002274/2018(ASW)
Risposta di Phil Hogan a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-002274/2018

A norma della legislazione vigente, il periodo massimo per il sostegno dell'UE per ciascuna azione di promozione del vino per un dato beneficiario in un determinato paese terzo o mercato di paese terzo è di 5 anni (3+2), indipendentemente dal periodo di programmazione. Tale disposizione ha fatto seguito ad una modifica della legislazione avvenuta nel 2016, in cui le parole «per ciascun periodo di programmazione» presenti nel testo dell'articolo 4 del regolamento (CE) n. 555/2008(1) della Commissione non sono state riprese nel corrispondente articolo 4 del regolamento delegato (UE) 2016/1149(2) della Commissione. Ciò è spiegato ulteriormente al considerando 8 di quest'ultimo regolamento. Di conseguenza, al termine del periodo massimo, il medesimo beneficiario non può presentare una domanda di sostegno per lo stesso tipo di azione nello stesso mercato.

Tale disposizione non esclude che il medesimo beneficiario continui a ricevere un finanziamento a talune condizioni. Come affermano gli onorevoli deputati nell'interrogazione, paesi e mercati non sono equivalenti. Un operatore può presentare una nuova domanda di sostegno per un'azione di promozione in un paese terzo diverso oppure in un mercato diverso nello stesso paese terzo per il quale ha ricevuto sostegno in precedenza. Inoltre, trascorso il suddetto periodo, il medesimo beneficiario può continuare a ricevere sostegno nell'ambito dell'organizzazione comune del mercato vitivinicolo per campagne di promozione nello stesso paese terzo o mercato di paese terzo se presenta una nuova domanda per un'azione diversa.

In conclusione, la Commissione ritiene di non essere andata né oltre la lettera, né oltre lo spirito della legislazione in materia. Gli Stati membri dispongono di ampia flessibilità nel garantire che le misure di promozione nei paesi terzi continuino a produrre effetti positivi.

(1)GU L 170 del 30.6.2008.
(2)GU L 190 del 15.7.2016.

Ultimo aggiornamento: 1 agosto 2018Avviso legale