Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 4kWORD 19k
23 luglio 2018
E-002870/2018(ASW)
Risposta di Miguel Arias Cañete a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-002870/2018

L'articolo 13 della direttiva 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio sulle energie rinnovabili introduceva l'obbligo per gli Stati membri di imporre, entro il 31 dicembre 2014, nelle regolamentazioni e nei codici in materia edilizia o in altro modo avente effetto equivalente, ove opportuno, l'uso di livelli minimi di energia da fonti rinnovabili in tutti gli edifici nuovi e negli edifici esistenti sottoposti a ristrutturazioni rilevanti. Le autorità italiane hanno debitamente recepito tale requisito mediante l'allegato 3 del decreto n. 28 del 2011, che comprende anche eventuali deroghe per motivi tecnici.

Secondo la Commissione, la sentenza n. 161 del 2018 del TAR Piemonte non incide, di per sé, direttamente sulla corretta applicazione della direttiva 2009/28/CE in Italia.

Ultimo aggiornamento: 30 luglio 2018Avviso legale