Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 19k
31 luglio 2018
E-002872/2018(ASW)
Risposta di Tibor Navracsics a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-002872/2018

A norma dell'articolo 165 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE), il ruolo dell'Unione europea nel settore dello sport si limita a sviluppare la dimensione europea dello sport, promuovendo l'equità e l'apertura nelle competizioni sportive e la cooperazione tra gli organismi responsabili dello sport.

La Commissione considera lo sport un importante strumento di inclusione delle persone con disabilità e promuove la loro partecipazione agli eventi sportivi europei. Essa ha sostenuto i Giochi olimpici speciali europei in Polonia nel 2010, i Giochi olimpici speciali mondiali in Grecia nel 2011, i Giochi paralimpici giovanili nella Repubblica ceca nel 2012, i Giochi olimpici speciali estivi nel 2014 e l'edizione invernale dei Giochi olimpici speciali mondiali in Austria nel 2017.

La Commissione riconosce l'autonomia degli organi di governo dello sport quale principio fondamentale dell'organizzazione dello sport.

I cittadini che si ritengano lesi dalle regole sportive oggetto dell'interrogazione hanno il diritto di presentare ricorso giurisdizionale o amministrativo a livello nazionale, al fine di ottenere riparazione.

Ultimo aggiornamento: 1 agosto 2018Avviso legale