Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 21k
6 settembre 2018
E-003975/2018(ASW)
Risposta di Vytenis Andriukaitis a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-003975/2018

1. Come sottolineato dalla Commissione nelle risposte alle interrogazioni scritte E-001797/2018 ed E-001837/2018, il comitato scientifico per la salute, l'ambiente e i rischi emergenti (CSSARE) dispone di un mandato permanente per fornire un aggiornamento indipendente delle prove scientifiche disponibili, tra cui la valutazione dei rischi per la salute potenzialmente associati all'esposizione. Il comitato ha già elaborato cinque pareri pertinenti che non hanno fornito alcuna prova scientifica a giustificazione di una modifica dei limiti fissati dalla raccomandazione del Consiglio 1999/519/CE(1) relativa alla limitazione dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Tali limiti si basano sugli orientamenti(2) pubblicati dalla commissione internazionale per la protezione dalle radiazioni non ionizzanti (ICNIRP)(3). L'ICNIRP sta attualmente riesaminando e sottoponendo a consultazione pubblica le proprie linee guida(4). La Commissione attende con interesse le conclusioni. Il CSSARE potrebbe rivalutare la situazione sulla base dei risultati di tale riesame.

2. Non sarebbe opportuno condurre un tale studio prima che i risultati del riesame delle linee guida dell'ICNIRP siano resi disponibili.

3. Ai sensi dell'articolo 168 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, la responsabilità primaria di proteggere la popolazione dai potenziali effetti nocivi dei campi elettromagnetici appartiene agli Stati membri, inclusa la scelta delle misure da adottare in base a età e stato di salute. La Commissione constata altresì che il codice europeo delle comunicazioni elettroniche, recentemente approvato dai colegislatori, richiederà agli Stati membri di perseguire la coerenza e la prevedibilità in tutta l'Unione per quanto concerne il modo in cui l'uso dello spettro radio è consentito nella tutela della salute pubblica.

(1)Raccomandazione del Consiglio 1999/519/CE, del 12 luglio 1999, relativa alla limitazione dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici da 0 Hz a 300 GHz (GU L 199 del 30.7.1999, pag. 59).
(2)https://www.icnirp.org/cms/upload/publications/ICNIRPemfgdl.pdf
(3)https://www.icnirp.org/
(4)https://www.emf-portal.org/en/news/post/702

Ultimo aggiornamento: 10 settembre 2018Avviso legale