Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
25 luglio 2018
E-004149-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-004149-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Rosa D'Amato (EFDD)

 Oggetto:  Debito fuori bilancio Aeroporti di Puglia
 Risposta scritta 

Il Consiglio regionale pugliese ha approvato a maggioranza i disegni di legge di recepimento di provvedimenti contenenti disposizioni relative al riconoscimento della legittimità dei debiti fuori bilancio derivanti da sentenze esecutive.

È stata riconosciuta come debito fuori bilancio la somma di 10 541 000 EUR relativa all'IVA da applicare sul trasferimento di alcune annualità delle risorse finanziarie dalla Regione alla società Aeroporti di Puglia (AdP) per sviluppare il traffico low-cost, avvenuto tra gli anni 2009-2014 e 2014-2019, a fronte di un imponibile che sfiora i 48 milioni di EUR. Questo importo si riferisce alle iniziative per la campagna di comunicazione di Ryanair sostenute dal novembre 2014 a tutto il 2017.

Il debito fuori bilancio deriva dalla violazione degli obblighi di fatturazione sui trasferimenti delle risorse della Regione finalizzati alla campagna di comunicazione e affidati per la gestione ad AdP, contestati a conclusione di un accertamento tributario di cui è stata oggetto la società aeroportuale.

Secondo gli accertatori, AdP avrebbe dovuto continuare ad emettere fattura, assoggettandola ad IVA, come avvenuto negli anni antecedenti al novembre 2014, anche quando un'armonizzazione contabile avrebbe consentito di modificare fiscalmente il regime di trasferimento delle risorse.

Può la Commissione verificare se quanto descritto in premessa possa configurarsi come aiuto di Stato?

Ultimo aggiornamento: 10 settembre 2018Avviso legale