Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 6kWORD 18k
17 settembre 2018
E-004718-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-004718-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Aldo Patriciello (PPE) , Lara Comi (PPE) , Andrea Cozzolino (S&D) , Alessandra Mussolini (PPE) , Lorenzo Cesa (PPE)

 Oggetto:  Situazione dei giudici tributari in Italia

In Italia i giudici tributari sono titolari di una funzione giudiziaria esclusiva in materia tributaria, non percepiscono un'adeguata remunerazione, né beneficiano di trattamento previdenziale e/o assistenziale, e sono loro negate le prerogative attribuite dalla giurisprudenza ai lavoratori dipendenti (CGE, C-270/13), oltre che ai giudici ordinari.

Tenuto conto della violazione della decisione del Comitato europeo dei diritti sociali N102/2013 sui diritti previdenziali e della Comunicazione DGEMPL/B2/DA, con cui la Commissione ha preannunziato una procedura di infrazione sulla disciplina italiana che regola il servizio dei giudici onorari e quindi, a maggior ragione, anche quello dei giudici tributari, con sperequazioni in materia di stabilità lavorativa, equiparazione retributiva e contributiva (Direttive 1999/70/CE, 2000/78/CE, 2003/88/CE, 2000/34/CE),

quali misure intende adottare la Commissione affinché:
1) l'Italia regolarizzi il rapporto di lavoro dei giudici tributari e corrisponda quanto dovuto a titolo previdenziale e assistenziale?
2) Il rapporto di lavoro dei giudici tributari italiani venga disciplinato secondo l'ordinamento europeo?
Ultimo aggiornamento: 9 ottobre 2018Avviso legale