Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 99kWORD 18k
18 settembre 2018
E-004721-18
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-004721-18
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Rosa D'Amato (EFDD)

 Oggetto:  Recepimento della valutazione di impatto sanitario in Italia
 Risposta scritta 

La legge n. 221 del 28 dicembre 2015, all'articolo 9, ha introdotto il comma 5bis dell'articolo 26 del D.L.gs. 152/2006 sulla valutazione di impatto sanitario (VIS) per progetti riguardanti centrali termiche e altri impianti di combustione con potenza termica superiore a 300 MW, nonché impianti di raffinazione, gassificazione e liquefazione.

Ai sensi dell'articolo 12 del D. Lgs. 104/2017 sulla valutazione di impatto ambientale (VIA), «per i progetti di cui al punto 1) dell'allegato II alla presente parte e per i progetti riguardanti le centrali termiche e altri impianti di combustione con potenza termica superiore a 300 MW, di cui al punto 2) del medesimo allegato II, il proponente trasmette … la valutazione di impatto sanitario …».

Ai sensi della normativa italiana, la VIS non si applica a tutti gli impianti soggetti a VIA o ad AIA, ma soltanto a quelli indicati ai punti 1 e 2 dell'allegato II — Parte II del D.Lgs. 152/06: l'esclusione di impianti (anche soggetti a VIA di competenza statale) non corrisponde a quanto indicato nelle direttive in materia di VIA e di AIA (2014/52/UE, 2011/92/UE e 2010/75/UE).

Si chiede alla Commissione se ritiene corretto il recepimento delle direttive con riferimento alla valutazione di impatto sanitario, vista l'esclusione arbitraria di tipologie di impianti effettuata dall'Italia.

Ultimo aggiornamento: 9 ottobre 2018Avviso legale